Blog: http://kacciukkino.ilcannocchiale.it

grobag affettivo

 







Ho scoperto che quello che Dosi chiama groberg è in realtà il Grobag sacco nanna bimbo. Dosi ha 2 anni e mezzo, e - ora che scrivo ci ripenso, non ho assistito al suo parto solo per timidezza e timori vari. Con eventi concatenati i cui effetti , come tutto in questa infinita successione di azionipensieritempospazio, ancora oggi sperimento.

Comunque sia,
quando la mamma di Dosi, Eve, la prepara per la nanna insieme alla sorellina, infila questo batuffolo di bimba nel mini baby sacco grobag. Lei se ne va a letto contenta e felice. Nel grobag sta calda, e penso che senta dentro il sacco anche l'amore della mamma. Una sera mi ha chiesto se anche io avessi un grobag, e quando ho detto no mi ha guardato con una luce di amichevole, affettuosa compassione. E' incredibile quello che gli occhi di un bambino possono dire ad un adulto.

Mentre Dosi continua a dormire nel suo grobag, la mancanza di un mio grobag personale mi ha fatto pensare.
Ma ho visto che si può autogenerare la parte immateriale di grobag, quella che contiene l'affetto, il volersi bene ed il voler bene, l'amore per chi ami. per lei.

DI piumini e piumotti ce ne sono molti e tengono caldi. Ma senza la parte immateriale, alla fine non ci si dorme troppo bene. Ci si rigira nel sonno, troppocaldotroppofreddo, i sogni e le sensazioni che nel giorno la mente non ha saputo o potuto illuminare e amalgamare con il cuore affiorano incontrollati.

Il grobag affettivo nasce quando si trova in sè un po' di calma, di quiete e di chiarezza. Se quanto si sente dentro di noi ha buone basi, il GA cresce e ci avvolge. Può avere toni di colore che variano dal rosso passione al blu della quiete, all'arancione che rigenera.
La cosa fantastica è che se l'energia è buona, può allargare il tuo grobag a chi ti sta accanto. Senti che malgrado inquietudini, sensazioni che dal passato ogni tanto riaffiorano come onde di un maremoto non ancora del tutto sopito, incertezze e paure per il futuro, il tuo grobag affettivo c’è ,in questo preciso istante , nel qui e nell’adesso, vibra stabile, a volte debole e a volte più forte, ma c’è e soprattutto è in grado di espandersi e abbracciare lei.

Il grobag affettivo segue la legge di affinità, e se trova un altro grobag vicino ( questa cosa il grobag americano fisico non la fa) si unisce.
La cosa fantastica è che il GA, quando funziona, ti segue anche dopo che hai lasciato il piumotto a letto. E , malgrado la distanza fisica, chi condivide un GA ne sente l’effetto anche quando non si è vicini.



Pubblicato il 11/12/2007 alle 9.52 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web